lunedì 11 ottobre 2021

Bozzolo inamovibile vs forza devastante

Prop Design by Maya Louw

Giungla di Tiwia, sera del 10° tahner pieno (22 agosto)

Per l’esperienza di Rodrigo la creatura è più alta di quanto pensi Bastiano, forse anche 12 metri e non ha mai sentito di creature di simili dimensioni. Tornati al campo si decide di non cibarsi dei resti del pranzo perché ad alcuni il banchetto ha fatto parecchio male. Nonostante si temesse qualche sorpresa del generale la notte passa senza altre particolari turbolenze oltre a quelle intestinali.

Giungla di Tiwia, mattino del 10° sener pieno (23 agosto)

Bastiano si sveglia particolarmente inadatto e depresso per dei sogni che lo vedevano rincorrere una creatura immensa per lui inarrivabile che gli rovineranno l’umore per tutta la giornata.

Una rana si avvicina a Wotan e consegna in modo solenne un flauto di pregevole fattura intagliato in una canna dai colori sgargianti apparentemente naturali. Sulla spiaggetta intanto alcune rane si sono radunate, Bastiano nella speranza di trovare Pepe il traduttore riesce ad offenderne mortalmente due che se ne vanno inabissandosi fra borbottii. Allora, visibilmente alterato, cerca di convincere Diomira che le enormi impronte siano di una bestia della profezia e che l’uomo cornuto Wotan sia apparso nel momento del pericolo e la prega di riferire tutto alle rane per sapere se sanno qualcosa di questa creatura. Riuscita a conferire con Pepe si apprende che non ha mai sentito parlare di una cosa gel genere, e che se si tratta di una creatura terrestre non dovrebbe costituire un pericolo per la tribù.

Rodrigo tenta di convincere il gruppo ad uscire per la caccia grossa per ottenere qualche trofeo da rivendere a caro prezzo al conte, Yelena tenta di far capire a tutti che stanno parlando di un suicidio e il povero Bastiano vorrebbe ritornare a Torana per mettere al sicuro oggetti e informazioni.

Si parte per l’esplorazione, ufficialmente per fare scorte di cibo, ma mentre Bastiano cerca di seguire le prede per riempire il piatto, Rodrigo lo indirizza nei luoghi dove la bestia potrebbe risiedere, fino a che non ottiene quello che vuole: tracce fresche di gigante che ad una prima analisi sembra anche muoversi in armonia con l'ambiente circostante.

Silvy si arrampica sulla cima di un albero per godere di una visuale migliore e proprio in quel momento un enorme gorilla alto una ventina di metri si gira nella sua direzione e con un tremendo ruggito comincia a caricare; allora l’esploratrice si avvolge in una coperta ed usa un cripto in suo possesso per renderla inamovibile. Giannunzio si infiamma e lancia una sfera fiammeggiante verso l’enorme creatura senza infliggerle alcun danno. Bastiano riesce a superare la spessa e coriacea pelle solo col secondo di una rapida sequenza di colpi, lordandosi del suo sangue. Il gorilla travolge il "bozzolo" in cui è avvolta Silvy facendolo sbalzare via, poi oltrepassa anche tutti gli altri caricando. Solo in quell'istante tutti si accorgono che sta andando in direzione di un enorme ragno della sua stessa taglia.

Col primo colpo qualcosa nel dorso del mostro aracniforme si spacca. Prima del contrattacco dal suo addome cade una moltitudine di ragni più piccoli - ma pur sempre della dimensione di un umano - che si allontanano dallo scontro in tutte le direzioni.

Scartata l'opzione della fuga, ci si prepara all’arrivo dei ragni. La prima ondata ne conta cinque che non sembrano puntare il gruppo, almeno fino a quando non lo vedono… Non sembrano per la verità molto precisi nei loro attacchi e Rodrigo infilando una spada fra le mandibole di uno di loro riesce a farne colare a terra il veleno, rendendolo momentaneamente meno pericoloso degli altri.

Fine Diciannovesima puntata.


Diario a cura di Bastiano
Immagine by Maya Louw

lunedì 20 settembre 2021

Dejà-vu

Rephona (Deep one by  douzen)

Giungla di Tiwia, mattino del 10° tahner pieno (22 agosto)

La barca esce a rilento da “baia del serpente” sospinta e sostenuta a fatica dagli uomini-rana e imbarcando acqua. Il lago rapidamente diventa molto profondo e una leggera foschia non permette di vedere l’altra sponda. Il lago è comunque molto grande. Tutti sembrano distratti e non tengono traccia dello spostamento perdendo subito l’orientamento. Improvvisamente ci si risveglia al mattino come dopo aver fatto uno strano, ma estremamente vivido, sogno.

Bastiano vuole vedere come si comporta la pietra blu in prossimità della caverna subacquea e infatti il sospetto che possa essere attirata da ogni pezzo di cometa diventa quasi una certezza. Diomira spronata ad indagare da Bastiano sostiene che delle potenti forze soprannaturali sono state all’opera. Giannunzio invece tiene per se una premonizione: il lago nelle profondità è salato.

Sponde sud del lago Hruka, primo pomeriggio del 10° tahner pieno (22 agosto)

Gli eventi della mattinata si ripetono uguali con un senso di dejà-vu che scompare dopo qualche ora lasciando i componenti del gruppo con una sensazione transitoria di intorpidimento come appena destati. Dopo 3 ore di viaggio arrivati quasi all’altra sponda la barca devia in una insenatura ben nascosta di una trentina di metri sulla cui spiaggia con dei tavoli improvvisati è stato allestito un banchetto per i visitatori. Una trentina di uomini rana escono dall’acqua per l’evento. Tutti gli occhi sono per Wotan nonostante cerchino di rubargli la scena Giannunzio la polena maschile a torso nudo e Diomira magicamente illuminata a magnificenza.

Anuran invita a gustare il cibo e mentre si pensa ad accendere un fuoco per rendere commestibile le “crudità di lago” tutte le rane gracidando e si girano in direzione di nuovi arrivati. Una rana più piccola delle altre (apparentemente una femmina a parere di Bastiano) seguita da una creatura umanoide con capelli da polpo e mani e piedi palmati e uncinati non certo rassicurante. La rana si chiama Pepe, e grazie ai suoi poteri telepatici fa da traduttore. La creatura è la regina eletta Rephona dei hroak del lago Hruka.

La leggenda narra di un gruppo di terrestri aiutati a sconfiggere il "grande serpente" e la regina si chiede perché mai i terrestri ora abbiano tentato di distruggere la camera sepolcrale del loro antico eroe Re Gorundo. Estrarre la pietra blu ha come effetto il dover dare ulteriori spiegazioni per evitare di esser scambiati per ladri.

Durante il banchetto di benvenuto un gruppo di uomini rana armati cappeggiati dal generale Jabka esce dall’acqua e inizia una discussione con la regina. Il generale non si fida dei terrestri e si viene a sapere che preferirebbe che la regina fosse sostituita da altri in particolare da una rana maschio. Forse occorrerebbe dare prova al generale di esser degni della sua fiducia per poter visitare la tomba anche se lui non ritiene questi terresti in grado nemmeno di affrontare tale prova figurarsi di superarla. Il generale è molto fisico ed è una mente semplice, serve una idea semplice. Un trofeo più grande della testa di serpente gigante che usa come elmo potrebbe funzionare.

Andato via il generale il pranzo diplomatico continua.

Pare che le femmine hroak non possiedano la sacca vocale e prima che la regina inventasse il nuovo linguaggio non potessero parlare. Tuttavia l’abitudine ad usare la vecchia lingua nei maschi è molto forte. Il generale sembra infastidito dal fatto che la regina abbia dato un modo alle femmine di comunicare.

La regina come il grande Re Gorundo discende dalla sacra bottarga del profondo e ha poteri particolari. Le leggende inoltre dicono che nelle profondità le acque siano velenose (il sale per una creatura di acqua dolce forse è sufficiente ad essere considerato veleno forse).

Il popolo degli uomini rana è molto riservato e ci tiene al proprio isolamento, ritiene inoltre il lago sacro. Chiunque rispetti bosco fiume e lago non sarà mai considerato nemico. La regina è preoccupata delle intenzioni dei terrestri e che altri possano arrivare fino alle sponde del loro territorio. Bastiano rimarca il fatto che i terrestri sono esploratori e che cercano amici, i cavalca-lupi non si sono rivelati tali ma la speranza è di vivere pacificamente almeno con gli uomini-rana. Di altri popoli e pericoli particolari la regina non fa menzione, solo di grandi serpenti pericolosi nel bosco e nei fiumi.

Per le emergenze i terrestri potranno comunicare con loro con uno strumento che sarà affidato a Wotan (l’unico degno di fiducia per la sua somiglianza con l’antico eroe terrestre) ma se altri lo useranno sarà considerato tradimento. La leggenda dice che quando compare il terrestre cornuto un grande pericolo incombe. Se ciò dovesse accadere, gli uomini-rana onoreranno le leggende aiutando i terrestri.

La regina prima di andare avverte il gruppo di guardarsi le spalle dal generale che potrebbe tendere loro un agguato.

Pepe viene lasciato col gruppo perché possa comunicare con le rane incaricate di predisporre dei ripari per la notte. Finalmente si accende un fuoco per cuocere il cibo e molte rane curiose si avvicinano per degli scambi culturali. Diomira cerca di imparare qualche parola e la lingua delle femmine sembra più facile da riprodurre rispetto a quella gracidante dei maschi.

Dopo il banchetto si decide di partire in esplorazione nei dintorni. Giannunzio che è stato tutto il tempo a prua per vedere la rotta è certo della posizione attuale: a metà della sponda sud del lago. Mentre Wotan guida il gruppo nella giungla sconosciuta, Bastiano cerca tracce di grandi animali. Il suo occhio esperto nota la regolarità anomala degli avvallamenti sul loro cammino. Sono orme enormi di una creatura bipede probabilmente alta otto metri che è passata di li da più di un mese. Le orme vengono seguite fino a che spariscono in un ruscello. Salendo su di un albero Wotan vede in lontananza delle alture. Arrivato ormai l’imbrunire si decide di tornare al campo.

Fine diciottesima puntata.

Diario a cura di Bastiano
Immagine by douzen

lunedì 2 agosto 2021

Eroi o dèi?

Anuran (Anuran Warrior by Nate Hallinan)

Giungla di Tiwia, sera del 10° ahner pieno (21 agosto)

Gli ostaggi vengono liberati dando loro telepaticamente un appuntamento all’indomani mattina per essere scortati al villaggio del lago a bordo della loro strana imbarcazione vista nella comunicazione mentale.

Diomira ha chiesto di fare il primo turno di guardia che con Rodrigo. La sacerdotessa è particolarmente interessata all’origine dei poteri dimostrati dal compagno di viaggio. Non c’è sintonia tra loro e le domande inopportune di quella “donnetta petulante” distraggono Rodrigo che non si avvede del pericolo incombente. Dei viticci magici lo imprigionano mentre Diomira riesce a dare l’allarme. Bastiano si gira infastidito dall’altro lato dormendo ancora un po’ mentre gli altri riescono a destarsi anche se non immediatamente. Almeno quattro creature si muovono veloci nella boscaglia accerchiando l’accampamento e iniziano a volare le frecce. Wotan si nasconde estraendo il machete ed avvicinandosi ai rumori. Silvy con sicurezza afferma che si tratta del popolo della palude. Bastiano mentre ancora si stiracchia pensa che arrivino per recuperare la pietra blu immaginando che la ritengano una sorta di reliquia.

Diomira dopo essersi cinta del solito campo di risonanza viola, accende il suo bastone di una luce blu nell’intento di impressionare gli attaccanti, ma riesce solo ad attirare le frecce nemiche che la colpiscono e si rivelano essere avvelenate. Wotan invano tenta con i suoi poteri di liberarla.

Giannunzio si sposta ad una ventina di metri dal campo per intercettare i fruscii che sembrano girare intorno. Silvy viene imprigionata a sua volta mentre Rodrigo a mani nude sradica finalmente i viticci continuando a schivare le frecce in arrivo.

Bastiano appena destato e privo di armatura decide di utilizzare il suo crypto protettivo e si avvicina a Silvy per darle assistenza, ma la older si libera agilmente e si avvicina a Giannunzio per dargli manforte. Wotan con un potente colpo di machete disarciona uno dei cavalieri rompendogli al contempo l’armatura. Anche Giannunzio ingaggia battaglia con un’altra creatura. Rodrigo libero dai viticci viene attaccato da uno sciame magico che lo infastidisce ma si getta ugualmente nella boscaglia per intercettare il terzo cavaliere urlando a Bastiano di muovere le chiappe e fare il suo lavoro e infatti come una scheggia parte intercettando l’ultimo fruscio.

I cavalieri vengono rapidamente eliminati ma rimane uno sciamano nascosto nell’ombra. Nimrod viene inviato a stanarlo. Lo sciamano appiedato tenta la fuga ma viene raggiunto e ucciso. Dopo una rapida perquisizione dei corpi, Bastiano decide di accatastare i caduti lungo le rive del lago per mostrarli agli uomini rana l’indomani.

Giungla di Tiwia, mattino del 10° tahner pieno (22 agosto)

In tarda mattinata un'imbarcazione di una decina di metri si avvicina alla riva sospinta da una mezza dozzina di creature. Non sembra essere realmente funzionante e nemmeno sembrerebbe poter galleggiare per più di pochi secondi. Un uomo rana più grosso rispetto gli altri si fa avanti e sembra rivolgersi a Wotan. Bastiano con poca grazia usando gesti e urli tenta di comunicare con lui mostrandogli la pila di cadaveri dei paludosi e cercando di far cadere il merito su Wotan per ingraziarseli ulteriormente e magari farlo passare per eroe o chissà addirittura un dio. Diomira tenta di fare le presentazioni, il rospo grosso probabilmente il capo si chiama qualcosa come Anuran mentre gli avventurieri vengono parimenti storpiati in Botan, Bilby, Brastiano, ecc.

Tutto il gruppo viene invitato sulla barca chiamata “Uebbè” che, scricchiolando imbarca acqua ancora da ferma. Del resto gli uomini rospo sono più piccoli rispetto agli umani e si capisce subito che non tutti potranno salire. Quindi si opta per dividere il gruppo e utilizzare la barca gonfiabile della corporazione. L’operazione di gonfiaggio compiuta da Yelena lascia le creature meravigliate.

Mentre gli altri useranno il "battello pneumatico a propulsione termica", Wotan, Diomira e Giannunzio saliranno sulla barca del popolo del lago...

Fine dicassettesima puntata.

Diario a cura di Bastiano
Immagine by Nate Hallinan

lunedì 26 luglio 2021

Echi dal passato

UE4 - Frog Warrior Spearman by Alexander Sychov

Giungla di Tiwia, tardo pomeriggio del 10° ahner pieno (21 agosto)

L’uomo-rana spuntato dal nulla colpisce con una lancia Rodrigo che incespica all’indietro.

Bastiano allora come un fulmine accorre in aiuto del compagno menando due veloci ma imprecisi fendenti, mentre Diomira e Alona si difendono con il loro scudo magico.

Diverse creature sbucano dal nulla e iniziano ad accerchiare il gruppo. Wotan ancora nascosto ne avvinghia uno con dei tralicci magici prima che possa lanciar loro contro qualcosa. In quel momento da differenti punti del bosco dei cappi fatti di alghe vengono lanciati con l’intento di immobilizzare gli umani. Rodrigo schiva agilmente e Bastiano lacera i cappi lanciati nella sua direzione, mentre Alona e Diomira vengono immobilizzate entrambe da due cappi tesi ai lati opposti del loro corpo.

Bastiano con altri due colpi stavolta più precisi dilania la creatura che aveva affrontato prima osservandone la consistenza gracile. Alona e Diomira tentano inutilmente di liberarsi usando i loro poteri. Silvy risvegliandosi dall’alto del suo nascondiglio gode di una visuale migliore del campo di battaglia e nota un uomo-rospo più grosso degli altri che si mantiene a distanza e lo centra con una freccia. La creatura sorpresa fa un balzo indietro di tre metri e comanda altri rospi mandandoli in direzione dell’arciera.

Rodrigo va in soccorso di Alona tagliando una delle corde che la immobilizzavano e questa viene tirata dall’altra parte e buttata a terra. La selvatica estrae l’arma per difesa ma nessuna creatura si interessa a lei e Yelena si accuccia per non essere presa di mira. I due uomini-rospo senza corde spiccano un balzo di sei metri su Bastiano che viene sbilanciato e per un soffio non viene ferito mentre Rodrigo viene bersagliato da un cappio e un balzo. Lo spietato combattente intuisce le due traiettorie e ispirato da qualcosa che i più maliziosi potranno chiamare fortuna riesce a mettere il cappio al collo del rospo saltandogli addosso e iniziando al contempo a strangolarlo con un ghigno dipinto sul volto.

Silvy viene presa da un cappio, ma si divincola senza problemi. Wotan ancora nascosto decide di lanciare i “semi della furia” al rospo capo nelle retrovie. Questi piccoli semi incandescenti gli piovono addosso da trenta metri come se fossero degli insetti emofagi affamati si attaccano sfrigolando alla pelle, trasformandolo in breve in una torcia urlante. In pochi secondi il rospo diventa un mucchietto di carne flaccida inerme avvolta da fiamme. A quella vista gli uomini rana strabuzzano gli occhi lasciano cappi e lance fuggendo in ogni direzione. Bastiano, sempre attento alla sua sfera di influenza sul campo di battaglia, coglie l'occasione per ferire gravemente uno dei fuggitivi.

Vengono fatti due prigionieri. Il capo aveva un oggetto di metallo, probabilmente stagno, ormai fuso. Sugli altri copri si trova poco o nulla se non lance di legno con punta di osso o pietra tagliente e un paio di armature di chitina di un animale (o insetto) non ben definito. Dopo essersi allontanati un centinaio di metri ed aver allestito il campo, Rodrigo tenta nuovamente la connessione mentale. Wotan viene proposto per essere messo in connessione con le creature, ma non sembra particolarmente favorevole e la discussione sugli intenti del gruppo scivola quasi in una faida interna. Wotan accusa Bastiano e la sua famiglia di aver distrutto un bosco sacro al suo dio, Bastiano non crede che le colpe dei padri (o del nonno Felice) debbano ricadere sui figli e sta già mettendo mano all’elsa quando Diomira si intromette portando ad una tregua. Sembra che sessant’anni prima nonno Felice Contrari distrusse quel bosco sacro e Diomira insinua che l’elsa della spada di bastiano possa essere fatta di legno sacro e che possa essere la causa dei mali interiori del combattente, ma Bastiano sa bene che non è quella la causa. Cercherà di porre rimedio al danno causato dal nonno quando si capirà in che modo farlo.

Come la prima volta il dialogo avviene per immagini. Gli uomini-rana mandano immagini poco nitide su umani come fossero storie raccontate e non vissute in prima persona.

Cometa in cielo che cade nel bosco – terremoto – un serpente gigante esce dal bosco e inghiotte l'intero lago – arrivano degli umani (abitanti dell’isola del passato) – un uomo-rana forse un re indica loro il luogo dove è caduta la cometa – gli umani tornano con la cometa che è un globo luminoso fluttuante e la scagliano contro il serpente che viene pietrificato e rimane per sempre sulle rive del lago – questo re con aura di autorità è seppellito in sarcofago dentro il teschio del serpente nella grotta con accesso subacqueo (e forse un altro pezzo della cometa come la pietra blu, suggerisce qualcuno) – le creature sono eccitate da una visita di Wotan e gli altri umani al loro villaggio – sono disposti ad andare a chiamare altri per scortarlo su una improbabile nave che anche agli occhi inesperti da navigatore quale è Wotan pare impossibile che possa galleggiare – banchetto allestito in onore di Wotan e gli umani con entusiasmo sottolineano ogni portata, pesce alghe e larve da gustare ancora vive particolarmente gustose perché si muovono ancora in bocca e nello stomaco – sembra che gli uomini della palude siano soliti attaccare gli uomini-rospo fingendo di cadere nelle trappole per attirarli fuori dall’acqua e buttando piante tossiche nel lago.

Fine sedicesima puntata.


Diario a cura di Bastiano
Immagine by Alexander Sychov

lunedì 5 luglio 2021

Uno scambio di coppie pieno di sorprese


Giungla di Tiwia, pomeriggio del 9° enhor pieno (20 agosto)

Diventa chiaro che il cristallo punti alla grotta del naga, probabilmente le creature della palude adorano gli stessi dei degli antichi abitanti dell’isola oppure semplicemente hanno rinvenuto il gioiello fra le rovine dell’antico villaggio. Si riprende il cammino in direzione del lago consci che questo popolo del lago tende trappole per trascinare in acqua chi si avvicina alle sponde.

Ormai quasi a sera si sentono delle voci provenire dal bosco che secondo Diomira appartengono a qualche specie di uccelli imitatori. Si pensa di catturarne alcuni esemplari, ma al ritorno, per evitare di portarsi dietro degli uccelli starnazzanti incatenati quando servirebbe silenzio.

Mentre viene costruito il campo per la notte gli imitatori iniziano ad emettere suoni simili a gracidii e subito si pensa di essere nei pressi del lago, anche se nelle immediate vicinanze non c’è acqua. Silvy si accorge che la maggior parte dei suoni del bosco, anche gli insetti, viene fatta da questi strani uccelli.

Yelena richiede di fare il turno di guardia con Rodrigo e le solite coppie vengono rimescolate. Gli avventurieri cominciano a fare conoscenza.

Yelena reputa Rodrigo essere pieno di sorprese, uno che si professa uomo d’arme ma utilizza poteri così particolari è interessante ai suoi occhi. Rodrigo però non ha voglia di parlare del suo passato e si rivolge alla ragazza dandole della “signora” a dir suo per rispetto, anche se Yelena ritiene che sia per mantenere il distacco. Il successivo svicolare del combattente diverte molto la giovane che si lascia andare ad un sorriso.

Diomira è molto incuriosita dal passato di Alona, e vuole sapere dove abbia imparato le arti magiche. Fra le due donne c’è attrito, capiscono di pensarla diversamente su alcune cose quali religione e magia... Alona chiede informazioni sul falco di Diomira e pensa che sia strano ed interessante e che sia rassicurante averlo intorno.

Gli uccelli imitatori disturbano il sonno del gruppo ma non abbastanza da portare conseguenze come accaduto con le scimmie impertinenti della notte precedente.

Giungla di Tiwia, primo pomeriggio del 10° ahner pieno (21 agosto)

Il viaggio prosegue e all’improvviso la giungla si apre su di un lago immenso sulle cui coste adagiato si trova un gigantesco antico scheletro di mostro.

Il falco mandato in avanscoperta non trova trappole allora Wotan, Silvy e Bastiano saltando su alcune rocce si avvicinano per ispezionare lo scheletro. Silvy che si rivela essere una studiosa di molte materie differenti più che una esploratrice, nota che il muschio non cresce su questa roccia.

Mentre Wotan studia minuziosamente il teschio, Bastiano si arrampica 4 metri più su verso l’apertura dell’occhio, ma un grosso uccello bianco arrabbiato sbuca all'improvviso attaccandolo al viso e facendolo cadere rovinosamente.

Diomira intanto cerca intorno delle trappole ben protetta da Rodrigo. Rinviene una corda fatta di alghe che un tempo aveva costituito sicuramente una trappola e delle impronte costituite da 4 tozze dita palmate.

Wotan fa alcune ricerche minuziose sull'area, domandandosi se questi resti possano mai animarsi, ma conclude che si tratta di un fossile antichissimo e ne esclude la possibilità. In quel momento vede volare giù Bastiano, ed ovviamente la sua prima preoccupazione è per l'animale che riesce a calmare. Dopo essersi arrampicato ed avergli offerto dei semi riesce a sporgersi per guardare all’interno. Oltre il nido si apre una cavità, nella calotta cranica si intravede una pozza d'acqua circolare che, a giudicare dal suo movimento, probabilmente è collegata col lago. Nella cavità c'è anche un parallelepipedo (di roccia o di argilla indurita) con alcuni piccoli oggetti al di sopra. Nel "teschio" si aprono altre piccole aperture, e in corrispondenza di ognuna c'è un nido.

Silvy prova a sbirciare da un buco in corrispondenza della mandibola, ma il passaggio è molto stretto. Cerca allora impulsivamente di allargare l’apertura colpendola con una grossa pietra. La pietra usata si spacca in due cadendole addosso, ma cosa peggiore è il rumore innaturalmente violento sprigionato dal colpo, che sembra riverberare per tutta la lunghezza del fossile ed eccheggia lontano.  Probabilmente l’acqua avrà diffuso il suono in ogni punto del grande lago. Tutti gli uccelli che hanno nidificato nel teschio urlano il loro fastidio, aumentando la confusione.

Temendo l’arrivo del popolo del lago il gruppo si ritira appostandosi appena dentro la boscaglia per studiare il da farsi. Dopo un po’ il pelo dell’acqua viene disturbato e cinque creature anfibie armate di lancia d’osso emergono dal lago. Si dividono in due gruppi, il primo si inabissa in direzione del teschio e l’altro si dirige in direzione opposta, apparentemente senza aver notato il gruppo. Rodrigo vorrebbe approfittare del loro vantaggio ed attaccare, ma gli altri (in particolare Yelena) lo fanno desistere essendo sicuri di non essere stati notati. Decidono di aspettare: una volta andati via gli anfibi avrebbero potuto entrare nel fossile per indagare meglio su quanto visto da Wotan.

Il gruppo rimane appostato per due ore senza che accada nulla, poi Silvy, che si era arrampicata su di un albero, si addormenta stremata mentre Rodrigo ha un lieve capogiro. Dopo essersi stropicciato gli occhi vede un anfibio spuntare dal basso che lo sta attaccando armato di arma in asta e istintivamente lancia un grido di allarme...

Fine quindicesima puntata.

Diario a cura di Bastiano
Revisione di Ohmnibus
Immagine by Hugo FREDOUEIL

lunedì 14 giugno 2021

Cinico e barbaro

Blue Aqua Aura Quartz by Louis Martin

Giungla di Tiwia, pomeriggio del 9° tehner pieno (19 agosto)

Mentre Diomira, Giannunzio, Silvy e Wotan si occupano degli incendi, Rodrigo, Bastiano e Alona si occupano del prigioniero legandolo. Il fuoco viene domato grazie ai poteri di Wotan, che fa "allontanare" la vegetazione, e ad una serie di fortunate coincidenze. Intanto il prigioniero viene privato dei suoi averi: la punta della lancia è di ossidiana, mentre il resto degli oggetti è principalmente in osso, con alcune piccole eccezioni (fibbie, borchie) in metallo. La pelle è molliccia al tatto e odora di muffa e torba. In fondo alla schiena ingobbita spunta una corta coda glabra. Le gambe sono articolate come le zampe posteriori di un canide, mentre le braccia sono più lunghe del normale. Il volto ha un che di raccapricciante. L'assenza del naso e l'irregolarità generale lo fanno apparire parzialmente corroso dall’acido, e non è chiaro se si tratti del risultato di un incidente, uno sfregio o se sia naturale. Anche la cavalcatura sembra bardata in modo simile al cavaliere, ossia cinghie di pelle nera e fasciature di rinforzo o protezione. Il cavaliere aveva con sé anche un astuccio contenente alcuni dardi ed una piccola sacca da cintura contenente un piccolo blocco di torba. All'interno della torba alcune teste di anguilla e pezzi di carne - forse di cinquemani. L’arco è molto corto e fatto di due parti in osso unite tra loro da una fasciatura di cuoio.

Dopo che Bastiano intimorisce il prigioniero puntandogli la lama alla gola, Diomira esamina il suo corpo in cerca del marchio di un vincolo magico, ma senza successo. Tenta allora di ispezionare con più cura il corpo del caduto, ma anche in questo caso non trova nessuna traccia di eventuali vincoli. Si discute brevemente sull'origine di questi nativi, evidentemente diversi da quelli rappresentati nel graffito trovato: forse alla seconda creazione sono avvenute delle mutazioni negli abitanti dell’isola. O forse potrebbe essere il frutto di un esperimento, ma sembra altamente improbabile che siano stati creati dalla corporazione: pur essendo vero che questo tipo di esperimenti sono stati eseguiti, è molto strano che la corporazione abbia autorizzato e sostenuto una spedizione in un luogo dove ciò è avvenuto.

Dal momento che non sembra possibile alcun tipo di comunicazione, si discute se liberare o uccidere il prigioniero. Rodrigo, dimostrando di essere ben altro che l’avventuriero cinico e barbaro che tutti credono sia, dice di essere in grado di mettere in comunicazione la creatura con uno dei compagni grazie ad un suo potere, ma non prima di aver raggiunto il campo base.

Silvy esamina la cavalcatura uccisa da Rodrigo. Fisicamente è simile ad un lupo ma le zampe anteriori sono molto più massicce e la pelliccia è a chiazze. Una ferita è stata ricucita e pur essendo privo di briglie è dotato di finimenti utili ad essere cavalcata. Il muso, come il volto del cavaliere, sembra come corroso dall’acido.

Bastiano sembra essere l’unico contrario al piano di portare il prigioniero al campo e risponde stizzito anche a Yelena pensando che fosse più sicuro liberare la creatura e spostare il campo base il più lontano possibile. Yelena fa notare che sarebbe inutile liberare il prigioniero sperando che il gesto venga apprezzato, e spostare il campo sarebbe inutile perché non sarebbero in grado di nascondere le loro tracce ed i nativi, che sono a cavallo di lupi, sono in grado di muoversi molto più velocemente di loro e quindi li avrebbero comunque raggiunti.

Yelena cerca di rassicurare la creatura dandole da bere, mentre Diomira le cura le ferite. Quando ci si sta per incamminare per tornare al campo, Romilda rinviene un borsellino caduto al fuggitivo con della torba e all’interno di essa un lembo di pelle e una gemma azzurra debolmente luminescente. La pelle è finemente incisa e si rivela essere un talismano di scongiuro, mentre la gemma - a detta di Diomira - è chiaramente infusa di energia arcana.

Bastiano allestisce delle trappole sonore lungo le tracce lasciate di ritorno al campo, dato che eventuali inseguitori probabilmente arriverebbero da quella direzione. Rodrigo si appresta a effettuare il collegamento mentale tra il prigioniero e Giannunzio, dimenticandosi di dire che sarebbero rimasti connessi per un’ora… La prima immagine che arriva a Giannunzio mentre cerca di trasmettere sensazione di pace è la creatura che lo sta strangolando a morte… Dopo un lungo scambio di immagini le cose non vanno per il meglio, la creatura è molto ostile e non sembra credere alle buone intenzioni degli umani. Poi Giannunzio centra l’obiettivo dimostrandosi dispiaciuto per la perdita della cavalcatura...

In una delle immagini condivise dal nativo si vede nei pressi di un villaggio nella palude una sena di tumulazione nella torba di una cavalcatura, al termine della quale viene piantato un rametto di una particolare infiorescenza palustre.

Giannunzio mostra la meta del gruppo: il lago. La creatura si chiede se la motivazione sia di uccidere le creature anfibie umanoidi che sembrano essere ostili nei loro confronti. Dopo un ulteriore scambio si giunge ad una sorta di accordo, mantenersi sufficientemente lontani dalla palude per non essere attaccati da loro. La creatura viene liberata e ci si corica per la notte.

Prima di dormire Diomira esamina la gemma e scopre essere un artefatto che opportunamente illuminato vibra, ma il particolare più importante è che vibra in base al suo orientamento; tuttavia non è possibile capire quale sia il funzionamento.

Nel suo turno di guardia Silvy sente suonare le trappole sonore di Bastiano e sveglia tutto il campo. L'allarme è stato generato da una mezza dozzina di scimmie, che vengono prontamente scacciate, ma il sonno di tutti è stato ormai spezzato.

Giungla di Tiwia, mattino del 9° enhor pieno (20 agosto)

Prima di ripartire vengono fatti alcuni esperimenti sulla pietra. L'intensità della vibrazione è proporzionale alla quantità di luce alla quale è esposta. Si nota inoltre che in qualche modo i suoi riflessi luminosi siano "maggiori del normale", tanto da portare Diomira a pensare che sia una sorta di amplificatore luminoso. Sembra chiaro che si tratti di una sorta di bussola perché la sua vibrazione dipende dal suo orientamento, ma a causa della forma irregolare non è possibile stabilire quale sia il luogo indicato. Si decide quindi di controllarla con regolarità per cercare di capire se, spostandosi, vibri con un orientamento diverso, ed in base a queste informazioni dedurre quale sia l'eventuale luogo indicato.

Dopo aver smontato il campo si riprende in cammino verso il lago. Dopo pochi km si controlla nuovamente il cristallo, e risulta subito chiara quale sia la direzione a cui punta…

Fine quattordicesima puntata.

Diario a cura di Bastiano
Revisione di Ohmnibus
Immagine by Louis Martin

lunedì 7 giugno 2021

Fuoco e fiamme

Kragan (Swamp Tribe Classes by Fred Rambaud)

Giungla di Tiwia, pomeriggio del 9° tehner pieno (19 agosto)

Dopo essere stati colpiti dalle frecce, Wotan e Giannunzio sentono un leggero intorpidimento, ma non sembrano soffrire altri sintomi.

Il gruppo, colto di sorpresa, si sparpaglia. Fruscii crescenti tra la vegetazione mettono in allarme gli esploratori che si preparano a fronteggiare l’imboscata.

Giannunzio, ammantatosi di lingue di fuoco, si dirige verso il punto da cui sembra essere provenuta la freccia, alla ricerca degli assalitori, si sposta cautamente verso alcune palme aggirandole, ma non riesce a scorgere nessuno.

Wotan, si distacca dal gruppo, trovando riparo tra la vegetazione e intercettando due creature che, a breve distanza, stanno mirando al gruppo di compagni che sono rimasti in attesa dell’evolversi degli eventi.

Silvy si arrampica su di un albero, pronta ad incoccare le sue temibili frecce, quando si rende conto di essere avvolta dalle fiamme. Gannunzio l’ha nuovamente coinvolta, suo malgrado, nello strano fenomeno.

Il fruscìo tra le palme si fa sempre più crescente, rivelando la posizione degli assalitori in due punti distinti, probabilmente ci sono due coppie di ricognitori che si aggirano nella foresta, pronte ad attaccarli. Mentre il rumore cresce, dal terreno si innalzano rovi e radici che si intrecciano a dar forma ad una piccola cupola posizionata a mo' di gabbia, al margine dell’area in cui il gruppo staziona. Altre frecce piovono in varie direzioni, bersagliando Diomira e Giannunzio, prima, Rodrigo poi, ma nessuno sembra ferito gravemente. Anche Silvy scorge due figure nella foresta e cerca di tenerle a tiro, ma le fiamme iniziano a bruciare il suo nascondiglio costringendola a rinunciare al suo proposito e spostarsi.

Il gruppo che è rimasto compatto viene avvolto da uno sciame di insetti apparso da nulla, che gli impedisce di agire liberamente, solo il provvidenziale intervento di Diomira, che genera un’onda d’urto, riesce a disperderli, ma all’improvviso un enorme cerchio di fuoco li circonda. Diomira, Rodrigo, Yelena, Alona, Silvy e Romilda finiscono imprigionati dietro una barriera incandescente che impedisce loro di interagire con l’esterno o fuggire. Divisi e sparpagliati tra la vegetazione, i compagni non riescono a coordinarsi e anche le iniziative personali non sembrano portare al risultato sperato, solo Wotan, poco distante e ben nascosto, riesce ad individuare due creature e ne imprigiona prontamente una, tra la vegetazione che si piega al suo volere. All’interno del cerchio incandescente le caviglie di Rodrigo vengono avviluppate da viticci che emergono dal terreno, pervaso da una furia incosciente, si libera dai viticci e si lancia verso le fiamme, deciso a sfidare la sorte, ma nuovi rovi emergono dal terreno a trattenerlo. Il guerriero, indomito, si libera nuovamente e si lancia tra le fiamme, mentre Yelena lo rassicura sulla natura illusoria del cerchio di fuoco. La conferma che si tratti di una protezione e non di una prigione, arriva da Alona che si scopre esserne l’artefice. Mentre Wotan si ritrova da solo a fronteggiare le due creature che nel frattempo lo hanno individuato, Rodrigo si sofferma ad osservare la cupola di rovi, all’interno della quale scorge due piccoli occhi luminosi. Altre due creature si avvicinano per attaccarlo, mentre l’illusione fiammeggiante si dissolve consentendo a Silvy di mettere a segno il tanto agognato colpo, diretto ad una delle due creature che stanno fronteggiando Wotan. Giannunzio ripiega anche lui verso la cupola di rovi, incendiandola mentre tenta con molta difficoltà di romperla a mani nude, mentre Rodrigo, lì accanto, continua strenuamente a divincolarsi dai rovi che continuano ad attanagliarlo, liberatosi individua due creature e ne afferra fortunosamente una. Mentre schiva i colpi di lancia che gli vengono inferti abilmente, nota uscire da un’apertura posta dietro la cupola, una creatura simile alle altre, senza cavalcatura e con abiti leggermente più elaborati.

I fronti di combattimento vedono da una parte Silvy e Wotan che riescono ad abbattere la creatura imprigionata nella vegetazione, mentre l’altra si da alla fuga; dall’altra Rodrigo e Diomira (anch’essa resasi conto della figura nascosta dalla cupola), che riescono ad atterrare un cavaliere, abbattendone la cavalcatura e mettere in fuga l’altro. Giannunzio, resosi conto troppo tardi che il suo avversario era fuggito dal retro della cupola, si lancia al suo inseguimento, perdendolo tra la vegetazione nonostante fosse stato rallentato da un’onda d’urto scagliata da Diomira. Rodrigo afferra saldamente la sua preda vestita di pelli nere, la scruta, disgustato dall’olezzo di muffa, sudore ed escrementi, ne osserva il corpo deforme, la schiena bitorzoluta e la coda corta, ne valuta la statura di circa un metro e mezzo e ne osserva la particolare conformazione degli arti inferiori a guisa di capra, gli occhi del llud brillano di malvagi propositi, me forse è solo il riflesso del piccolo incendio che sta divampando poco distante...

Fine tredicesima puntata.

Diario a cura di Giannunzio
Immagine by Fred Rambaud